Nessuno è come qualcun altro è una breve raccolta di racconti, molti dei quali sono una pagina o meno lunghi. La cosa sorprendente per me è che in poche centinaia di parole, Amy Hempel può raccontare una storia incredibile: lirica, meravigliosa e cruda. Queste storie si leggono come poesie. Alcune lasciano stupiti ed emozionati. Nonostante siano indipendenti l’uno dall’altra, davvero sembrano far tutte parte di una medesima storia.

Tra i racconti più lunghi e più tradizionali, il migliore è di gran lunga quello che racconta della sua attività da volontaria in un rifugio per cani dove lavora principalmente con i cani che si prevede siano uccisi. Forse perché questa cosa dei cani mi tocca particolarmente, soprattutto oggi che uno dei miei non sta particolarmente bene. È straziante e bello allo stesso tempo, selvaggio e tenero.

Molti non amano i racconti, mia moglie è una di questi, ma penso che i racconti, se fatti bene, come la maggior parte di questi, valgono sempre la pena di essere letti. (No, non ha a che fare con il fatto che il mio, per ora unico libercolo, sia un libretto di racconti 😃).