Quindi ho fatto la mia scelta. La prima è di andare a correre a New York nel 2022. Nel 2021, anche se con la prossima estate le cose miglioreranno, e con il vaccino può darsi che altre cose cambieranno, non sappiamo cosa succederà subito dopo, quindi meglio essere prudenti. La seconda opzione è di andare nel 2023. Il 2021 non l’ho preso in considerazione, anche pensando che invece la maggioranza dei podisti sceglierà proprio di andare a correre quest’anno.

Se potrò davvero correre nel 2022 o in un’altra data lo sapremo i primi di giugno quando gli organizzatori della maratona di New York prenderanno la loro decisione definitiva.